Krampuslauf

 
krampus12.jpg
 

Tanto tempo fa, nei periodi di carestia, i giovani dei piccoli paesi di montagna si travestivano usando pellicce formate da piume, pelli e corna di animali. Irriconoscibili, vagavano di villaggio in villaggio, derubando le provviste necessarie per la stagione invernale. Dopo qualche tempo, i giovani si accorsero, però, che tra di loro vi era un impostore: il diavolo in persona si era inserito nel gruppo; il suo vero aspetto, del tutto simile a quello dei giovani travestiti. Irriconoscibile se non per un piccolo dettaglio: gli zoccoli caprini. 

Venne dunque chiamato il vescovo Nicolò, per esorcizzare l'inquietante presenza. Sconfitto il diavolo, tutti gli anni i giovani, travestiti da demoni, sfilavano lungo le strade dei paesi, non più a depredare ma a portare doni o a "rapire i bambini cattivi", accompagnati dalla figura del vescovo che aveva sconfitto il male.

Ma chi può dire che il diavolo non ritenti l'inganno? Chi può dire con certezza chi si nasconde sotto la maschera del Krampus? Chi può dire se i bambini, quelli più cattivi di tutti, vedranno mai il giorno di Natale?

 
 

Mare Marche Barche

Alla fine si arriva al mare perché la vacanza non vale se non sei andato al mare. Poi torni in città e ti dicono "ma non sei andato al mare? non sei abbronzato!". Vagli a spiegare che al mare sei andato per mangiare. Non ho preso colore, al limite ho preso un chilo. I pescatori pescano, i turisti fanno il bagno, i gabbiani gabbianano. Io mi innamoro, ancora. 

"Non andar via perché c’è un topo su in soffitta che non mi fa dormire bene."

"Stai qui
ti sembra il caso di andare via?
Vieni qui
che rifacciamo il letto
e stiamo ad ascoltare
che fuori piove.

Stai qui
ti sembra il caso di buttare via gli anni?
E poi non hai l’ombrello
perché ti vuoi bagnare
che fuori piove?

Non andar via perché
c’è un topo su in soffitta
che non mi fa
dormire bene."

Fuori Piove - Alessandro Fiori

Andate a vedere gli artisti, ascoltate Alessandro Fiori, se piove alla fine fa niente.

Mummie e Bimbi, Urbania e Urbino

Urbania, che bel paese. Sarà che dipende dalla compagnia, come avere una famiglia in più. Mangiare si è mangiato parecchio. Poi ci sono le mummie, mummie vere che una ha la pelle d'oca: l'hanno sepolto vivo il poveretto; che vita del cazzo quando non si può chiudere gli occhi dieci minuti senza che ti buttino in una fossa.  Urbino bella, mangiato e bevuto ma poi mia moglie ha detto che andava dal parrucchiere e per 4 ore nessuno l'ha più vista. Quando è tornata abbiamo mangiato. Salutiamo gli amici e proseguiamo verso le campagne del centro italia.